welcome

Il progetto HOLISCINT è dedicato allo sviluppo di algoritmi innovativi per la realizzazione di un rivelatore di radiazione X-gamma a scintillazione basato su un’idea originale e rivoluzionaria di concepire il rivelatore stesso. Il progetto ha ottenuto un finanziamento della Comunità Europea nell’ambito dei progetti di R&S delle PMI del Lazio di cui al POR FESR Lazio 2007-2013, Asse 1, attività 1, CUP F88C14000400007.

I rivelatori per radiazione X-gamma convenzionali si dividono in due grandi categorie:

  • Rivelatori per spettrometria: hanno alta efficienza di rivelazione grazie ai grandi volumi da cui sono costituiti e il loro scopo è quello di identificare i radioisotopi che generano il campo di radiazione. Sono costituiti da cristalli cilindrici di grandi dimensioni e da fotorivelatori non sensibili alla posizione.
  • Rivelatori per imaging: hanno minore efficienza ed il loro scopo è quello di produrre un’immagine della distribuzione spaziale del campo di radiazione. Sono costituiti da cristalli sottili e fotorivelatori sensibili alla posizione.
spettrometria - imaging

L’idea del progetto: combinare un cristallo da spettrometria con un fotorivelatore da imaging

L’idea innovativa del progetto è quella di combinare l’alta efficienza e la capacità di identificazione degli isotopi dei cristalli di scintillazione per spettrometria con le capacità di imaging dei fotorivelatori sensibili alla posizione. Da questo accoppiamento si ottiene una combinazione olistica in cui le informazioni ottenibili grazie al nuovo rivelatore sono superiori a quelle consentite dalle due tipologie di rivelatori convenzionali prese singolarmente.

Il nuovo rivelatore, grazie agli innovativi algoritmi sviluppati consente di:

  • Ottenere una mappa polare del campo di
    mappa polare

    Mappa polare di cinque sorgenti di radiazione poste a 0°, 45°, 90°, 180° e 270° rispetto al rivelatore.

    radiazione e di identificare, con un’ottima accuratezza, la direzione di provenienza della radiazione.

  • Migliorare la rivelazione di una sorgente radioattiva di bassa intensità posta all’interno del campo di radiazione di fondo naturale mediante la selezione di una specifica regione di interesse del campo di radiazione.
  • Produrre spettrometrie multiple del campo di radiazione, al fine di evidenziare informazioni aggiuntive riguardo lo stesso.

    Spettrometrie Multiple

    Spettrometrie multiple per una sorgente di 133Ba. SI possono evidenziare i diversi contributi che compongono ciascuno spettro.

CONTATTACI

Per avere informazioni sui nostri servizi e progetti inserisci le informazioni richieste e la tua domanda.

nome (richiesto)

email (richiesta)

messaggio